Uno dei luoghi simbolo dei Riti della Settimana Santa di Grottaglie è la chiesa del Santissimo Monte Carmelo, comunemente detta “del Carmine”. Da qui il Giovedì Santo escono li bbubbli bbubbli alla scasata.

Sebbene la Chiesa del Carmine si presenti con una facciata settecentesca, divisa in due ordini e decorata da due statue, lesene e pinnacoli, l’edificio è in realtà più antico, risalendo la sua fondazione agli inizi del Cinquecento. Al suo interno la chiesa è divisa in tre navate, quella centrale terminante con un’abside nella quale campeggia la tela raffigurante la Madonna del Carmine con Santi e confratelli. Sulle navate laterali si aprono le diverse cappelle, l’ultima delle quali sulla sinistra è dedicata a San Michele Arcangelo. Qui è ubicato il Presepe in pietra policroma dello scultore rinascimentale Stefano da Putignano. Degno di menzione è il chiostro del convento annesso alla chiesa, con affreschi raffiguranti scene bibliche del profeta Elia.

Opere e reperti contenuti: Madonna del Carmine con Santi e confratelli (1860); presepe in pietra policroma dello scultore rinascimentale Stefano da Putignano (Sec. XVI); Madonna col Bambino che appare a Sant’Andrea Avellino (Sec. XVII). Nella chiesa è stata di recente rinvenuta una cripta sottostante.