Una triste, famelica ed emaciata vecchina, priva di denti, vestita di nero e con un fazzoletto in testa, un fuso tra le mani. E’  “la Quaremma”, cadenza il tempo quaresimale, carico di pentimento.